Le semine di marzo. Che cosa seminare in marzo nell’orto

 

Le semine di marzo. Che cosa seminare in marzo nell’orto.

Entra il mese di marzo e la primavera si fa sempre più vicina; è tempo di semine. Come tutti sanno, l’Italia ha una configurazione che non consente di indicare un calendario valido per tutto il territorio. Per comodità possiamo dividere l’Italia, dal punto di vista delle semine da effettuare, in quattro zone principali. Prima, la fascia tirrenica dalla Liguria alla Calabria, la Puglia  e le isole. Seconda, la fascia padano-adriatica, dalla val padana, a Venezia, fino al Molise. Terza, la fascia appenninica cioè tutte le zone interne dello stivale; quarta, la zona alpina cioè quella più a nord.
In linea di massima, nella tabella sottostante la prima zona potrà effettuare le semine dall’inizio di marzo, la seconda dalla metà in poi; per la terza e la quarta è consigliabile far slittare tutto di un mese, quindi questa tabella di marzo dovrebbe essere interpretata come “tabella di aprile”.

 

Le semine di alcuni ortaggi si possono anticipare in luogo riparato, o in piccoli vivaietti come quelli illustrati nella foto.
 

Stiamo parlando in linea di massima: per la verità ci sono zone delle fasce terza e quarta, come per esempio alcuni versanti a sud delle colline o le sponde di alcuni grandi laghi, che possono essere equiparate alla zona prima, e sono valide anche considerazioni contrarie. Quindi ci faremo aiutare molto dall’esperienza maturata dagli altri coltivatori della nostra zona (intendo, il nostro comune, o addirittura il nostro quartiere).

Questa esperienza ci aiuterà ad anticipare o posticipare di giorni o settimane le nostre semine, rimanendo inteso però che, al di là di queste piccole variazioni, le stagioni di semina non posso essere stravolte; quindi, per fare un esempio, i pomodori a marzo si semineranno già all’aperto in Sicilia o in serra calda in Piemonte, all’inizio o alla fine di marzo, ma sempre a fine inverno – inizio primavera vanno seminati.

 

Si possono usare anche i dischetti di torba pressata, che si comprano “secchi” (spessore inferiore a un centimetro) e si gonfiano in pochi istanti mettendoli in acqua tiepida, fino ad assumere una altezza di 6 centimetri circa. Si semina in ognuno, e quando la piantina è pronta si mettono a dimora così come sono perchè la torba è racchiusa in una calza biodegradabile.
 

Quindi la Tabella seguente va interpretata secondo le note suddette. Per rendere più pratica l’applicazione ho indicato per gli ortaggi considerati le temperature:

- MINIMA DI GERMINAZIONE. Sotto questa temperatura il seme non germina;

- MEDIA DI PRODUZIONE. Al di sotto di questa temperatura MEDIA (giorno e notte) la pianta non cresce o comunque non produce.

Queste informazioni sulle temperature sono tratte dal mio libro Coltivare l’orto.

Quindi, ovunque vi troviate, se volete fare le cose per bene munitevi di uno di quegli apparecchietti dotati di un sensore da collocare all’esterno, che trasmette ogni momento la temperatura al ricevitore che potete tenere in casa.

Se all’esterno la temperatura di germinazione o di crescita è ancora bassa, pensate si seminare in un luogo protetto, riscaldato o meno, nel quale la temperatura sia soddisfacente.

 

Per la semina in vivaio nei contenitori, non toccate i semi con le mani: mettete in un piccolo contenitore solo la quantità necessaria, e richiudete subito di nuovo la bustina per evitare che anche la minima traccia di umidità entri in contatto con i semi avanzati. Potete prelevare i semi uno o più alla volta con l’aiuto di un bastoncino inumidito: dalla punta del bastoncino li sposterete nel vasetto di terra. Non rimettete nella busta i semi avanzati.
 

Non dimenticare mai: “luogo protetto” non vuol dire in casa, dove il clima è troppo secco per le piantine e la luce troppo poca. Dovreste disporre di una piccola serra. Oppure, se tenete la seminiera in casa, di giorno dovete metterla all’aperto in modo che assorba tutta la luce possibile, e di notte potete tirarla dentro. La seminiera deve avere un coperchio trasparente: di giorno all’aperto lo solleverete qualche ora per arieggiare, di notte lo terrete sempre applicato per conservare l’umidità.

Le operazioni possibili sono: Semina (mettere i semi in terra) o Trapianto (mettere in campo piantine già cresciute)

 

 

TABELLA DELLE SEMINE E DEI TRAPIANTI NELL’ORTO
NEL MESE DI  MARZO
Gli ortaggi non citati, non vanno preferibilmente seminati adesso

Ortaggio

Operazione possibile

Modalità consigliata

Temp. Minima germinazione C°

Temp. Media di produzione C°

Aglio

Trapianto

All’aperto

20-25

15-20

Aglio scalogno

Trapianto

All’aperto

20-25

15-20

Anguria

Semina

Luogo protetto

30

25

Arachide

Semina

All’aperto

25-30

25

Barbabietola

Semina

All’aperto

25-30

15-20

Basilico

Semina

Luogo protetto

20-25

25

Bieta (coste)

Semina

All’aperto

15

15-20

Bieta (erbette)

Semina

All’aperto

15

15-20

Cardo

Semina

Luogo protetto

30

15-20

Carota

Semina

All’aperto

25-30

15-20

Cavolo cappuccio

Semina

Luogo protetto

25-30

15-20

Cavolo verza

Semina

Luogo protetto

25-30

15-20

Cetriolo

Semina

Luogo protetto

30

25

Cicoria

Semina

All’aperto

20-25

15-20

Indivia

Semina

Luogo protetto

20-25

15-20

Cipolla estiva

Semina

All’aperto

25-30

15-20

Fava

Semina

All’aperto

25-30

15-20

Fragola

Trapianto

Luogo protetto

 

10

Lattuga a cappuccio

Semina

All’aperto

20-25

15-20

Melanzana

Semina

Luogo protetto

25-30

25

Melone

Semina

Luogo protetto

25-30

25

Peperone

Semina

Luogo protetto

25-30

25

Patata

Semina

All’aperto

25

15-20

Pisello

Semina

All’aperto

5

Inferiore a 15

Pomodoro

Semina

Luogo protetto

20-25

25

Prezzemolo

Semina

All’aperto

15-20

15-20

Rapa

Semina

All’aperto

25-30

15-20

Ravanello

Semina

All’aperto

20-25

15-20

Rucola

Semina

All’aperto

15

15-20

Scorzobianca e scorzonera

Semina

All’aperto

20

15-20

Spinacio

Semina

All’aperto

15-20

15-20

Valeriana

Semina

All’aperto

15

15-20

Zucca

Semina

Luogo protetto

25-30

25-30

Zucchina

Semina

Luogo protetto

15

25-30

 

In marzo si può seminare la rucola. Nella foto, la rucola coltivata dal catalogo Ingegnoli www.ingegnoli.it delle vendite per corrispondenza, (tutto per l’orto e il giardino)  inviato gratuitamente a chi ne fa richiesta.
 
BUON ORTO A TUTTI!!!

  


Coltivare l’orto
gruppo aperto

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
DIVENTA FAN

Altre  informazioni utili sulla coltivazione dell’orto le puoi trovare sul mio libro: Coltivare l’orto
BUON ORTO A TUTTI!!!

2 pensieri su “Le semine di marzo. Che cosa seminare in marzo nell’orto

Lascia un Commento