Archivi categoria: 02) Consigli

PIANTE DA ORTO INNESTATE. PER SAPERNE DI PIU’

PIANTE DA ORTO INNESTATE. PER SAPERNE DI PIU’

La coltivazione di piante da orto innestate si sta diffondendo sempre di più a livello industriale, da almeno venti anni a questa parte ma ha avuto un deciso incremento da quando è stata vietata la disinfestazione dei suoli con il Bromuro di Metile ed è diventata impellente la necessità di trovare altri metodi per salvaguardare le piante

La diffusione ha ridotto i costi di produzione per cui oggi si trovano piantine innestate anche per le piccole coltivazioni da orto, a prezzi accessibili anche se non trascurabili (si parla ancora di circa 2 euro a piantina).Per quanti coltivano poche piante, anche in vaso sul balcone, diventa possibile usare piantine innestate. Poiché se ne parla molto, in questo post  espongo I vantaggi e gli svantaggi.

Verdure più belle con le piantine innestate
 

Anzitutto va detto che non tutte le piante vengono innestate: la pratica (per ora) è limitata a quelle a ciclo estivo, per lo più solanacee (pomodoro, melanzana, peperone) e cucurbitacee (anguria, melone, cetriolo, zucca).I vantaggi derivanti dall’uso di piante innestate consistono in una maggiore resistenza a malattie come la verticillosi, la fusariosi e  la radice suberosa, ed a parassiti come I nematodi. Inoltre si ottiene una  più abbondante dovuta alla maggiore pezzatura dei frutti ed alla maggior durata del ciclo produttivo. Il principale svantaggio consiste nel prezzo ancora elevato, e nella difficoltà di produrre da soli piantine innestate.Innestare una pianta significa inserire un rametto preso da una pianta di varietà commercialmente valida,  detto nesto, sul tronco di un’altra poco produttiva ma molto rustica. Le due parti, inizialmente separate, vengono accostate e formano rapidamente un corpo unico. La forza della pianta portatrice dell’innesto viene trasferita al nesto, che produce con maggiore vigore e beneficia della sua resistenza alle malattie. In pratica è la stessa tecnica da sempre usata perle piante da frutto.

Il punto in cui le due parti vengono a contatto (taglio in rosa) si riconosce perché viene protetto con un manicotto plastico (nella figura in blu)
 

500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’


Se non si è più che esperti non conviene sperimentare da soli le tecniche di innesto: la produzione di piantine innestate viene svolta da personale specializzato in vivai che poi le distribuiscono per la vendita al dettaglio. Nella messa a dimora delle piantine innestate occorre tenere presente alcuni accorgimenti.
– Il punto di innesto (generalmente protetto da una guaina) non va assolutamente interrato, ma deve restare fuori terra;
– la pianta va sostenuta con un tutore, per evitare che si spezzi nel punto di innesto;
– qualora il fusto portainnesto emetta dei germogli, questi vanno subito eliminati perché sottrarrebbero forza al nesto;
– qualora il nesto emettesse delle radici che tendono ad interrarsi, anche queste vanno tolte.

Il portainnesto (marrone) sporge dal terreno, e tende ad emettere germogli (B). Questi vanno eliminati. Il nesto, invece, tende ad emettere radici che si dirigono verso terra (A). Anche queste vanno eliminate
 

Calendario lunare dell’orto
(edito ogni anno)
Anno 2013: 40 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 3,90.  SCONTATO 50% = 1,90

 

Tutte le fasi lunari del 2013, nella forma di calendario mensile con l’indicazione delle lune delle relative semine. Questo libro contiene anche utili consigli su tutte le altre operazioni di agricoltura e giardinaggio e delle lune consigliate. Da notare anche alcune pagine dedicate alle coltivazioni invernali, con l’indicazione delle temperature di germinazione e di crescita.
SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’
 

 

Alcuni manuali sono disponibili anche in formato
E-book.
Vedi i titoli disponibili sul sito Lulu.com, acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti e niente spese di spedizione.

Come concimare l’orto
L’orto sul balcone ABC
Che cosa mettere nell’orto
Risparmiare con il compost
Coltivare l’orto, I° edizione
Cercando Poimandres (mentre l’acqua corre nell’orto…)

Molti altri  manuali in  formato cartaceo li trovi su:
coltivarelorto.it

SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’

 
VEDI ANCHE:
 

QUALI SONO GLI ORTAGGI PIU’ PRODUTTIVI? UNA PICCOLA RASSEGNA DELLA PRODUTTIVITA’
UN PARASSITA DIFFICILE, LA MOSCA BIANCA O ALEUROIDE 

L’EQUISETO O ERBA CAVALLINA, DOSI E USO CONTRO PARASSITI E INFEZIONI FUNGINE

TRAPIANTARE CON SUCCESSO I POMODORI

PICCOLI SPAZI INUTILIZZATI NELL’ORTO?  FACCIAMOCI CRESCERE SPONTANEAMENTE LE AROMATICHE 

Che cosa seminare in APRILE. Tutte le semine nell’orto

CALENDARIO LUNARE DI APRILE. TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO
LA CICORIA BELGA O CICORIA DI BRUXELLES,  COME SI COLTIVA

Pomodori nani, Concimazione fogliare, File perfette nell’orto, Consociare gli ortaggi. Newsletter 72 di Coltivare l’orto 
FILE PERFETTE NELL’ORTO. COME EVITARE I VUOTI SULLE FILE
CONSOCIARE GLI ORTAGGI. UNA PRATICA VINCENTE PER CHI HA POCO SPAZIO
COLTIVARE L’ORTO. LA CONCIMAZIONE FOGLIARE
I POMODORI NANI DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE   
Calendario lunare di Febbraio: tutte le semine nell’orto. Fare l’orto sul balcone. Come cominciare. Coltivare i cipollotti. L’assenzio è un ottimo antiparassitario. Newsletter 71 di Coltivare l’orto

 L’ASSENZIO, UN PREZIOSO ANTIPARASSITARIO CONTRO AFIDI, BRUCHI E FARFALLE

I CIPOLLOTTI SONO GUSTOSISSIMI, MA COME SI COLTIVANO? 

L’ORTO SUL BALCONE? SI PUO’ FARE. TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE 

TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO DI FEBBRAIO. SEMINARE LE PATATE IN VASO. SCACCIARE I TOPI DAL GIARDINO E ALTRO. NEWSLETTER  70 DI COLTIVARE L’ORTO. 
CALENDARIO LUNARE DELL’ORTO. SEMINE DI FEBBRAIO  

UN RIMEDIO BIOLOGICO CONTRO I TOPI CHE INVADONO IL GIARDINO 
LE PATATE CRESCONO BENISSIMO ANCHE IN VASO 

ORTO DI FEBBRAIO. LE FAVE CRESCONO ED HANNO BISOGNO DI TUTORI

Potatura invernale delle siepi. Le sementi a nastro. Tre ortaggi per l’inverno. Frutta esotica sul balcone. News 69 di Coltivarec l’orto 

IL ROSSORE DELLE FOGLIE DELLA VITE CAUSATO DAGLI ACARI  

ORTO FACILE. SEMENTI A NASTRO O IN BANDA. CHE COSA SONO, COME SI USANO 
SEMINARE I FRUTTI ESOTICI SUL BALCONE

 LA POTATURA INVERNALE DELLE SIEPI RAMPICANTI 

 ORTO. VERDURE PER IL FREDDO: LA VALERIANA, O GALLINELLA    

FARE UN ORTO A GENNAIO? ECCO TRE ORTAGGI PER COMINCIARE 

LE MELANZANE SI SEMINANO IN LUNA CRESCENTE. LA SEMINA ANTICIPATA SI PUO’ FARE IN GENNAIO 

CONSOCIARE I CAVOLI? SI PUO’, MA SONO SCHIZZINOSI 

L’ORTO DELLA BUONA FORTUNA. BUON ANNO CON GLI ORTAGGI FORTUNATI 

POMODORI. SCEGLIAMO LE VARIETA’ DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE 

FOGLIE INGIALLITE: CLOROSI FERRICA E CHELATI DI FERRO

AVETE ACCESO IL CAMINETTO? NON BUTTATE LA CENERE

MALATTIE DELLE FAVE: L’OCCHIO DI PAVONE O CERCOSPORA 

LE MINI-MELANZANE DA ANTIPASTO SI POSSONO COLTIVARE ANCHE IN VASO SUL BALCONE

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI     

Nasce “COLTIVARE L’ORTO EDITRICE” con un catalogo tutto dedicato all’orticoltura  

VERDURE D’INVERNO: SEMINA E TRAPIANTO DELLA BIETA A COSTE

ORTO. PREPARAZIONE ALLE SEMINE. VANGATURA E CONCIMAZIONE 

GENNAIO NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE ALL’APERTO E IN SERRA FREDDA O CALDA
LA PERONOSPORA NELL’ORTO: RICONOSCERLA E PREVENIRLA  

LA PERONOSPORA E LA REGOLA DEI TRE DIECI  

QUANDO FARE I TRATTAMENTI CONTRO LA PERONOSPORA DI VITE, POMODORO, PATATA, ROSA

 


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni libri sono disponibili anche in formato E-book. Vedi i titoli disponibili sul sito Lulu.com, acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti senza spese di spedizione.

 

SE MANCA LA LUCE SOLARE GLI ORTAGGI NON CRESCONO

La luce è essenziale per la crescita degli ortaggi

Si sente parlare spesso di buona esposizione ed orientamento dell’orto. Sono condizioni che nascono dalla necessità delle piante di ricevere una buona illuminazione solare. Il sole infatti è indispensabile per la crescita delle piante.

L’orto deve essere comunque posto in una posizione che consenta alle piante di ricevere una adeguata quantità di luce solare. Questo significa che il sole, da quando sorge a quando tramonta, dovrebbe illuminare con continuità il terreno ove abbiamo sistemato i nostri ortaggi.
Questo requisito si chiama ESPOSIZIONE. Oltre a considerare il percorso del sole, bisogna tener conto anche degli ostacoli naturali che impediscono al sole di illuminare le piante, cioè gli ostacoli che DANNO OMBRA (muri, alberi, casotti, ecc.).

L’esposizione si verifica considerando i punti cardinali. Il sole sorge a EST e tramonta a OVEST. Occorre dire che l’alba e il tramonto non avvengono sempre esattamente a est e ovest: questo succede solo due volte all’anno, in corrispondenza degli equinozi. A queste date (convenzionalmente  21 marzo, equinozio di primavera e 21 settembre, equinozio d’autunno) la notte e il giorno hanno durata uguale e il sole sorge esattamente a est e ovest. Negli altri giorno dell’anno sorge e tramonta PIU’ O MENO  a est e ovest, ma per l’orientamento del nostro orto queste differenze sono tollerabili anche perché non potremmo spostare il nostro orto come un girasole.

 La luce solare è indispensabile per la crescita delle piante


I MIGLIORI LIBRI SULL’ORTO
 

SOLO PER POCHI GIORNI
RITORNA L’OFFERTA

TUTTA LA COLLEZIONE (8 libri) SOLO  
49,90 EURO 
+ spedizione 6,00 euro

ANZICHE’ 69,90 
+ spedizione

Offerta valida fino al 23/4/2013

la trovi su: ww.delmedico.it

Inoltre l’orto deve essere esposto a SUD, cioè è bene cha non vi siano in direzione SUD muri, case, e altri ostacoli ombreggianti. Per stabilire quale è approssimativamente il sud mettiamoci in modo da avere alla nostra sinistra la direzione dell’alba, e alla destra la direzione del tramonto. In questa posizione il sud è DI FRONTE a noi, il nord ALLE SPALLE. Si dice che questo orto è ESPOSTO A SUD. E’ la posizione migliore, questo orto riceve sole dall’alba al tramonto.Specialmente sui balconi, si possono avere esposizioni diverse, cioè il terrazzo, rispetto al muro su cui si appoggia, può essere aperto verso SUD (ottimo) oppure verso SUD-EST o SUD-OVEST (esposizione accettabile). Se invece il vostro balcone è esposto a NORD, rinunciate e coltivarci un orto. Se è esposto a NORD-EST o NORD-OVEST riceverà sole in misura insufficiente per la maggior parte degli ortaggi, potete provare quelli a foglia (insalate, spinaci, ecc.)Maggiori dettagli sull’orientamento li trovate sul post precedente:
L’orientamento, un aspetto indispensabile spesso trascurato

 La quantità di luce ricevuta dalla pianta influisce pesantemente sulla crescita e sulla produzione dei frutti. Una luce insufficiente può ritardare, ridurre o addirittura impedire la fruttificazione.

Zone utili e disposizione delle file nell’orto
 

ORIENTAMENTO DEI FILARI

Un altro aspetto importante è quello dell’orientamento dei filari. Occorre disporre le file di piante facendo in modo che ogni fila non dia ombra all’altra, specialmente quando le piante sono alte come pomodori o fagiolini rampicanti. Per ottenere ciò disponete i filari sempre in direzione est-ovest, mai in direzione nord-sud.

La figura in alto rappresenta l’effetto della luce sulla crescita delle piante. Le tre piante di cavoli natalini rappresentate sono state piantate tutte assieme a metà settembre, la situazione ripresa dalle foto è quella di fine novembre.
Il cavolfiore della foto A è cresciuto esposto a sud, in pieno sole. Quello della foto B è sempre coltivato con una esposizione a sud, ma per alcune ore del giorno è ombreggiato da una pergola di vite rampicante; si nota chiaramente la dimensione inferiore. Quello della foto C non ha ancora cominciato a formare la testa; questo cavolfiore è stato piantato nei pressi di un lato della casa, esposto a ovest, per cui riceve luce diretta, in novembre, solo due o tre ore al giorno. E’ prevedibile che la produzione di questo cavolfiore verrà ritardata almeno fino ad aprile.

 

NOVITA’

Come CONCIMARE L’ORTO
Uso dei concimi
organici e chimici
con la ricetta per ogni ortaggio
, anche in vaso. Fertilizzare il terreno  con il compost

110 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 10,00 
L’orto classico è sempre stato coltivato su aree di terreno concimate ogni anno, ripetutamente, tramite l’aggiunta di concimi organici, come le deiezioni animali. Per questo, quando si parla di terra da orto, si intende una terra ben grassa e fertile. Purtroppo negli ultimi decenni diversi fattori hanno fatto sì che gli ortaggi venissero coltivati in terreni sempre meno fertili: da qui l’esigenza di aggiungere elementi nutritivi a base di concimi chimici. Anche nei piccoli orti domestici diventa sempre più difficile fornire annualmente le dosi minime necessarie di concimi organici, per diversi motivi quali i problemi di gestione pratica e igienica degli stallatici, la difficoltà di reperimento dovuta alla rarefazione delle stalle e, nelle zone più abitate, i problemi di convivenza con il vicinato. Gli ortaggi sottraggono grandi quantità di nutrimento al terreno, la cui fertilità va integrata ad ogni nuova coltivazione; dunque, oltre a soffermarsi sulla concimazione organica, questo libro esplora anche le tecniche di concimazione chimica.

Lo trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI

 

Zucchine che marciscono da piccole

 

Da qualche anno molti coltivatori di orti familiari sono perseguitati da una specie di “Peste delle zucchine”. Nonostante le piante siano rigogliose, i frutti sono veramente pochi e molti zucchini, appena sono lunghi 5-6 centimetri, marciscono. Non esiste ancora una spiegazione definita per questo problema; probabilmente le cause sono diverse e concomitanti

In base alla mia esperienza questo problema non è specifico degli zucchini, ma si estende anche ad altre specie di cucurbitacee, in particolare quelle a fiore grosso: invece, il fenomeno si nota molto meno o non compare affatto nelle cucurbitaceee a fiore piccolo, come per esempio i cetrioli o i meloni e qualche varietà di zucca.
Stante l’apparente salute delle piante, che appaiono verdi e rigogliose (almeno finché non le abbandoniamo alla muffa bianca, scoraggiati dalla mancata produzione) la causa principale potrebbe essere attribuita alla  allegagione fallita, cioè alla mancata fecondazione dei fiori femminili.

Zucchina tonda già ammuffita ancor prima di cominciare a crescere
 

I fiori maschili si distinguono da quelli femminili perché hanno un gambo lungo e longilineo, mentre al di sotto dei fiori femminili si nota un piccolo rigonfiamento, fino a notare la zucchina già ben formata quando il fiore si apre.
Circa la raccolta dei fiori per uso alimentare, si possonio raccogliere i fiori femminili quando si sono chiusi, cioè quando le fecondazione è già avvenuta, mentre i fiori maschili si possono raccogliere in qualsiasi momento avendo l’avvertenza di lasciarne comunque qualcuno.

Il fiore maschile ha il gambo liscio e longilineo, quello femminile presenta già un piccolo frutto alla base
 


I MIGLIORI LIBRI SULL’ORTO
 

SOLO PER POCHI GIORNI
RITORNA L’OFFERTA

TUTTA LA COLLEZIONE (8 libri) SOLO  
49,90 EURO 
+ spedizione 6,00 euro

ANZICHE’ 69,90 
+ spedizione

Offerta valida fino al 23/4/2013

la trovi su: ww.delmedico.it

La fecondazione avviene attraverso il lavoro di raccolta di polline operato da insetti detti impollinatori, come per esempio le api le quali, volando da un fiore all’altro, spostano il polline dai fiori maschili a quelli femminili. In effetti le api sono l’agente principale e quasi esclusivo della impollinazione nelle cucurbitacee.

In alto un fiore femminile aperto, sotto la scritta due piccoli fiori femminili che presentano alla base due mini-zucchine. Affinché i frutti crescano i loro fiori, appena aperti, dovranno essere fecondati con polline proveniente da fiori maschili, anche della stessa pianta
 

Un primo problema deriva dalla estrema rarefazione di questi insetti, che in molte zone sono praticamente scomparse a causa dei pesticidi e di una malattia conosciuta come Varroa, che causa spopolamento della famiglia, parassiti sulle larve, api che sfarfallano mutilate o deformi.Un secondo problema deriva dal tempo sempre più ridotto di apertura dei fiori femminili, che spesso rimangono aperti e disponibili alla fecondazione solo pochissime ore. Anche questa riduzione della “finestra di fecondabilità” dei fiori femminili non è regolare, in quanto dovrebbero restare aperti almeno una intera giornata; le cause non sono chiare.

Si preleva il polline dai fiori maschili strofinando un pennello morbidissimo
 

Si può tentare di ovviare alle difficoltà di impollinazione operando artificialmente, cioè eseguendo in modo manuale il lavoro che dovrebbe essere svolto dall’ape: prelevare polline dai fiori maschili e trasferirlo su quelli femminili.

Dopo lo strofinamento il pennello appare rivestito di polline. La stessa cosa accade con le zampe delle api, quando si posano sui fiori maschili
 

I libri di Bruno DelMedico

Coltivare l’orto

120 Pagine. Formato 15×21 cm. Illustrato
Euro 10,00.  Vedi prezzo scontato

Finalmente un manuale sulla coltivazione dell’orto non scritto da qualche eccentrico americano del Tennessee né da qualche professore di agraria, ma da un vero hobbysta. Quando non sapeva ancora camminare, oltre mezzo secolo fa, l’autore accompagnava il padre nel piccolo orto familiare e apprendeva i piccoli trucchi e i segreti antichi di quest’arte. Oggi coltivare un orto non significa più ingegnarsi per sopravvivere, quanto piuttosto scegliere un nuovo stile di vita. Nonostante ciò, le tecniche rimangono le stesse. La tecnica moderna ha introdotto la chimica, che il vero hobbysta rifugge. Questo libro vi darà i migliori suggerimenti per seminare, coltivare e raccogliere gustosissimi ortaggi per la gioia della vostra tavola.
L
o trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI

L’operazione è molto delicata e va fatta con mano molto leggera. Si utilizza un pennello morbidissimo che va strofinato al centro del fiore maschile, e successivamente al centro di quello femminile.
In questo modo l’impollinazione è garantita ecologicamente, e se non sussistono altre cause, le zucchine  sottoposte ba questa operazione dovrebbero crescere regolarmente.

Con estrema delicatezza il pennello va accostato alla parte centrale del fiore femminile per depositare il polline
 
Zucchine con allegagione riuscita
 

Vedi anche questi articoli:
Favorire l’impollinazione dei pomodori
Concimare l’orto con lo stallatico pellettato, ottimo succedaneo del letame
Quando spunta? Tempi di germinazione degli ortaggi
Verificare la scadenza dei semi
Il trapianto a radice nuda. Superare lo stress del trapianto

 


Risparmiare con il compost

144 Pagine. Formato 14X21 cm. Illustrato
Euro 13,20.  Vedi prezzo scontato

Una famiglia di 3-4 persone con un orto-giardino di ordinaria grandezza può produrre ogni anno 5 quintali di rifiuti organici dai quali si ricavano comodamente 2 quintali di compost, pari a dieci sacchetti di terriccio da giardino da 50 litri. Questo riduce praticamente a zero le spese per acquisto di fertilizzanti. Inoltre, molti Comuni offrono sconti e facilitazioni a chi composta in proprio. Questo libro è un manuale completo per il riciclo dei rifiuti domestici e del giardino. Illustra tutte le tecniche per ottenere gratuitamente un ottimo fertilizzante e  ammendante dei terreni. E’  arricchito da schede, tabelle e immagini che guidano il lettore nella produzione del compost sia nel giardino sia sul balcone di casa, anche con una compostiera autocostruita.

Lo trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI


Coltivare l’orto
gruppo aperto

4000 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
7000 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

PATENTINO PER MACCHINE AGRICOLE: SCARICA I MODULI PER L’AUTOCERTIFICAZIONE

Moduli di autocertificazione per le maccchine agricole

Dal sito di MAD (Macchine agricole domani) riprendiamo una notizia che può essere interessante per molti. E’ possibile qui scaricare i moduli per l’autocertificazione dell’esperienza nell’uso di macchine agricole

Con la circolare n.12 dell’11 marzo 2013, il Ministero del lavoro ha diramato le istruzioni per la compilazione della dichiarazione sull’esperienza biennale per i lavori agricoli o forestali e delle altre attrezzature elencate nell’Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012.
In breve chi è in possesso di un’esperienza almeno biennale può documentarla “attraverso una documentazione sostitutiva di atto di notorietà” redatta ai sensi del dpr 445/2000.
 
I moduli sono tre a seconda dell’inquadramento in azienda:
– per il 
collaboratori famigliari;
– per il 
datore di lavoro;
– per i 
lavoratori subordinati. 

Leggi l’articolo relativo all’autocertificazione necessaria per documentare l’esperienza nell’uso delle macchine e attrezzature agricole su:

– lo sfogliabile del numero di aprile 4/2013 di Mad – Macchine Agricole Domani;  

– la Banca Dati Articoli sul n.11 del 2013 (21/27 marzo) de L’Informatore Agrario a pag. 13.

Puoi scaricare i moduli qui

 


500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
L
o trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI

 
VEDI ANCHE:
 

PICCOLI SPAZI INUTILIZZATI NELL’ORTO?  FACCIAMOCI CRESCERE SPONTANEAMENTE LE AROMATICHE 

Che cosa seminare in APRILE. Tutte le semine nell’orto

CALENDARIO LUNARE DI APRILE. TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO
LA CICORIA BELGA O CICORIA DI BRUXELLES,  COME SI COLTIVA

Pomodori nani, Concimazione fogliare, File perfette nell’orto, Consociare gli ortaggi. Newsletter 72 di Coltivare l’orto 
FILE PERFETTE NELL’ORTO. COME EVITARE I VUOTI SULLE FILE
CONSOCIARE GLI ORTAGGI. UNA PRATICA VINCENTE PER CHI HA POCO SPAZIO
COLTIVARE L’ORTO. LA CONCIMAZIONE FOGLIARE
I POMODORI NANI DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE   
Calendario lunare di Febbraio: tutte le semine nell’orto. Fare l’orto sul balcone. Come cominciare. Coltivare i cipollotti. L’assenzio è un ottimo antiparassitario. Newsletter 71 di Coltivare l’orto

 L’ASSENZIO, UN PREZIOSO ANTIPARASSITARIO CONTRO AFIDI, BRUCHI E FARFALLE

I CIPOLLOTTI SONO GUSTOSISSIMI, MA COME SI COLTIVANO?

L’ORTO SUL BALCONE? SI PUO’ FARE. TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE 

TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO DI FEBBRAIO. SEMINARE LE PATATE IN VASO. SCACCIARE I TOPI DAL GIARDINO E ALTRO. NEWSLETTER  70 DI COLTIVARE L’ORTO. 
CALENDARIO LUNARE DELL’ORTO. SEMINE DI FEBBRAIO  

UN RIMEDIO BIOLOGICO CONTRO I TOPI CHE INVADONO IL GIARDINO 
LE PATATE CRESCONO BENISSIMO ANCHE IN VASO 

ORTO DI FEBBRAIO. LE FAVE CRESCONO ED HANNO BISOGNO DI TUTORI

Potatura invernale delle siepi. Le sementi a nastro. Tre ortaggi per l’inverno. Frutta esotica sul balcone. News 69 di Coltivarec l’orto 

IL ROSSORE DELLE FOGLIE DELLA VITE CAUSATO DAGLI ACARI  

ORTO FACILE. SEMENTI A NASTRO O IN BANDA. CHE COSA SONO, COME SI USANO 
SEMINARE I FRUTTI ESOTICI SUL BALCONE

 LA POTATURA INVERNALE DELLE SIEPI RAMPICANTI 

 ORTO. VERDURE PER IL FREDDO: LA VALERIANA, O GALLINELLA    

FARE UN ORTO A GENNAIO? ECCO TRE ORTAGGI PER COMINCIARE 

LE MELANZANE SI SEMINANO IN LUNA CRESCENTE. LA SEMINA ANTICIPATA SI PUO’ FARE IN GENNAIO 

CONSOCIARE I CAVOLI? SI PUO’, MA SONO SCHIZZINOSI 

L’ORTO DELLA BUONA FORTUNA. BUON ANNO CON GLI ORTAGGI FORTUNATI 

POMODORI. SCEGLIAMO LE VARIETA’ DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE 

FOGLIE INGIALLITE: CLOROSI FERRICA E CHELATI DI FERRO

AVETE ACCESO IL CAMINETTO? NON BUTTATE LA CENERE

MALATTIE DELLE FAVE: L’OCCHIO DI PAVONE O CERCOSPORA 

LE MINI-MELANZANE DA ANTIPASTO SI POSSONO COLTIVARE ANCHE IN VASO SUL BALCONE

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI     

Nasce “COLTIVARE L’ORTO EDITRICE” con un catalogo tutto dedicato all’orticoltura  

VERDURE D’INVERNO: SEMINA E TRAPIANTO DELLA BIETA A COSTE

ORTO. PREPARAZIONE ALLE SEMINE. VANGATURA E CONCIMAZIONE 

GENNAIO NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE ALL’APERTO E IN SERRA FREDDA O CALDA
LA PERONOSPORA NELL’ORTO: RICONOSCERLA E PREVENIRLA  

LA PERONOSPORA E LA REGOLA DEI TRE DIECI  

QUANDO FARE I TRATTAMENTI CONTRO LA PERONOSPORA DI VITE, POMODORO, PATATA, ROSA

 


Tutti i libri di Bruno Del Medico

Vedi l’offerta su: ww.delmedico.it


Coltivare l’orto
gruppo aperto

4000 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
6700 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

COME CONCIMARE L’ORTO

Come concimare l’orto. La ricetta migliore per ogni ortaggio

Come usare i concimi organici e quelli chimici. Troverete la ricetta di concimazione per ogni ortaggio, sia coltivato in terra che in vaso. Inoltre,  consigli sulla fertilizzazione del terreno tramite la pratica del compostaggio

E’ disponibile su www.coltivarelorto.it  l’ultimo libro di Bruno Del Medico, dedicato alla concimazione dell’orto.  L’orto classico è sempre stato coltivato su aree di terreno concimate ogni anno, ripetutamente, tramite l’aggiunta di concimi organici, come le deiezioni animali. Per questo, quando si parla di terra da orto, si intende una terra ben grassa e fertile. Purtroppo negli ultimi decenni diversi fattori hanno fatto sì che gli ortaggi venissero coltivati in terreni sempre meno fertili: da qui l’esigenza di aggiungere elementi nutritivi a base di concimi chimici.

La copertina del libro edito da Coltivare l’orto Editrice

 

Anche nei piccoli orti domestici diventa sempre più difficile fornire annualmente le dosi minime necessarie di concimi organici, per diversi motivi quali i problemi di gestione pratica e igienica degli stallatici, la difficoltà di reperimento dovuta alla rarefazione delle stalle e, nelle zone più abitate, i problemi di convivenza con il vicinato. Gli ortaggi sottraggono grandi quantità di nutrimento al terreno, la cui fertilità va integrata ad ogni nuova coltivazione; dunque, oltre a soffermarsi sulla concimazione organica, questo libro esplora anche le tecniche di concimazione chimica.


Uso dei concimi
organici e chimici
con la ricetta per ogni ortaggio
, anche in vaso. Fertilizzare il terreno  con il compost
110 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 10,00

PER SAPERNE DI PIU’

 

NOVITA’

Come CONCIMARE L’ORTO
Uso dei concimi
organici e chimici
con la ricetta per ogni ortaggio
, anche in vaso. Fertilizzare il terreno  con il compost

110 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 10,00 
L’orto classico è sempre stato coltivato su aree di terreno concimate ogni anno, ripetutamente, tramite l’aggiunta di concimi organici, come le deiezioni animali. Per questo, quando si parla di terra da orto, si intende una terra ben grassa e fertile. Purtroppo negli ultimi decenni diversi fattori hanno fatto sì che gli ortaggi venissero coltivati in terreni sempre meno fertili: da qui l’esigenza di aggiungere elementi nutritivi a base di concimi chimici. Anche nei piccoli orti domestici diventa sempre più difficile fornire annualmente le dosi minime necessarie di concimi organici, per diversi motivi quali i problemi di gestione pratica e igienica degli stallatici, la difficoltà di reperimento dovuta alla rarefazione delle stalle e, nelle zone più abitate, i problemi di convivenza con il vicinato. Gli ortaggi sottraggono grandi quantità di nutrimento al terreno, la cui fertilità va integrata ad ogni nuova coltivazione; dunque, oltre a soffermarsi sulla concimazione organica, questo libro esplora anche le tecniche di concimazione chimica.

PER SAPERNE DI PIU’

Disponibile anche in formato E-book.  Acquista e leggi subito senza tempi e spese di spedizione. Compra su Lulu Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.
 
VEDI ANCHE:
 

L’ORTO SUL BALCONE? SI PUO’ FARE. TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE 

TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO DI FEBBRAIO. SEMINARE LE PATATE IN VASO. SCACCIARE I TOPI DAL GIARDINO E ALTRO. NEWSLETTER  70 DI COLTIVARE L’ORTO. 
CALENDARIO LUNARE DELL’ORTO. SEMINE DI FEBBRAIO  

UN RIMEDIO BIOLOGICO CONTRO I TOPI CHE INVADONO IL GIARDINO 
LE PATATE CRESCONO BENISSIMO ANCHE IN VASO 

ORTO DI FEBBRAIO. LE FAVE CRESCONO ED HANNO BISOGNO DI TUTORI

Potatura invernale delle siepi. Le sementi a nastro. Tre ortaggi per l’inverno. Frutta esotica sul balcone. News 69 di Coltivarec l’orto 

IL ROSSORE DELLE FOGLIE DELLA VITE CAUSATO DAGLI ACARI  

ORTO FACILE. SEMENTI A NASTRO O IN BANDA. CHE COSA SONO, COME SI USANO 
SEMINARE I FRUTTI ESOTICI SUL BALCONE

 LA POTATURA INVERNALE DELLE SIEPI RAMPICANTI 

 ORTO. VERDURE PER IL FREDDO: LA VALERIANA, O GALLINELLA    

FARE UN ORTO A GENNAIO? ECCO TRE ORTAGGI PER COMINCIARE 

LE MELANZANE SI SEMINANO IN LUNA CRESCENTE. LA SEMINA ANTICIPATA SI PUO’ FARE IN GENNAIO 

CONSOCIARE I CAVOLI? SI PUO’, MA SONO SCHIZZINOSI 

L’ORTO DELLA BUONA FORTUNA. BUON ANNO CON GLI ORTAGGI FORTUNATI 

POMODORI. SCEGLIAMO LE VARIETA’ DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE 

FOGLIE INGIALLITE: CLOROSI FERRICA E CHELATI DI FERRO

AVETE ACCESO IL CAMINETTO? NON BUTTATE LA CENERE

MALATTIE DELLE FAVE: L’OCCHIO DI PAVONE O CERCOSPORA 

LE MINI-MELANZANE DA ANTIPASTO SI POSSONO COLTIVARE ANCHE IN VASO SUL BALCONE

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI     

Nasce “COLTIVARE L’ORTO EDITRICE” con un catalogo tutto dedicato all’orticoltura  

VERDURE D’INVERNO: SEMINA E TRAPIANTO DELLA BIETA A COSTE

ORTO. PREPARAZIONE ALLE SEMINE. VANGATURA E CONCIMAZIONE 

GENNAIO NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE ALL’APERTO E IN SERRA FREDDA O CALDA
LA PERONOSPORA NELL’ORTO: RICONOSCERLA E PREVENIRLA  

LA PERONOSPORA E LA REGOLA DEI TRE DIECI  

QUANDO FARE I TRATTAMENTI CONTRO LA PERONOSPORA DI VITE, POMODORO, PATATA, ROSA

 

 


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni libri sono disponibili anche in formato E-book. Vedi i titoli disponibili sul sito Lulu.com, acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti senza spese di spedizione.

 

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

5.400 iscritti
al 15 agosto 2013

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
8.400 fans!!!
al 15 agosto 2013

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

 

FILE PERFETTE NELL’ORTO. COME EVITARE I VUOTI SULLE FILE

COLTIVARE UN ORTO CON FILE PERFETTE

Quando si semina direttamente in campo, può accadere che la germinazione imperfetta di molti semi crei un effetto antipatico, cioè la presenza di tratti vuoti lungo la fila. In questo post suggerisco alcuni accorgimenti per ottenere file perfette

Un esempio classico è quello dei piselli, che spesso sono capricciosi nella germinazione. In effetti i semi dei piselli risentono molto della mancanza di ossigeno, e può accadere che alcuni terreni,m specialmente quelli troppo sabbiosi o quelli troppo argillosi, si stringano troppo a ridosso del seme impedendone la respirazione. Naturalmente anche altre semine dirette risentono della mancata emersione di piantine.

Alcune piantine di piselli seminate nei vasetti contemporaneamente a quelle seminate in campo possono integrare eventuali mancanze sulle file
 

Può capitare con tutti gli ortaggi che qualche zona della fila o dell’aiuola si dimostri desolatamente vuoto.
Può dipendere da moltissime cause:
-In quel tratto la semina è stata troppo profonda o troppo superficiale;
– gli uccelli hanno seguito la fila cibandosi dei semi;
– alcune larve hanno fatto la stessa operazione sottoterra;
– gatti o talpe hanno mosso il terreno in quella zona; u
– umidità inadatta a fatto marcire o seccare i semi in quel tratto di fila.

Piantine di cime di rapa destinate al rimpiazzo di mancanza sulle file seminate direttamente in campo
 

I libri di Bruno DelMedico

Coltivare l’orto

120 Pagine. Formato 15×21 cm. Illustrato
Euro 10,00.  Vedi prezzo scontato

Finalmente un manuale sulla coltivazione dell’orto non scritto da qualche eccentrico americano del Tennessee né da qualche professore di agraria, ma da un vero hobbysta. Quando non sapeva ancora camminare, oltre mezzo secolo fa, l’autore accompagnava il padre nel piccolo orto familiare e apprendeva i piccoli trucchi e i segreti antichi di quest’arte. Oggi coltivare un orto non significa più ingegnarsi per sopravvivere, quanto piuttosto scegliere un nuovo stile di vita. Nonostante ciò, le tecniche rimangono le stesse. La tecnica moderna ha introdotto la chimica, che il vero hobbysta rifugge. Questo libro vi darà i migliori suggerimenti per seminare, coltivare e raccogliere gustosissimi ortaggi per la gioia della vostra tavola.
L
o trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI


Che cosa mettere nell’orto

28 Pagine. Formato 15×21 cm. Illustrato
Euro 2,00. 

Quando ci accingiamo coltivare un orto abbiamo in mente alcuni ortaggi principali, quelli solitamente più presenti sulla nostra tavola, e ignoriamo che la gamma di varietà è veramente vasta. Molti credono che l’orto rappresenti una attività da iniziare in primavera terminare alla fine dell’estate: invece, ci sono moltissimi ortaggi che possono esser coltivati anche l’inverno, semmai con dei piccoli accorgimenti per preservarli dal gelo. Molti altri rimangono stupiti quando affermo che ci sono almeno un centinaio di ortaggi diversi, considerando solo le varietà principali. Questo libricino, per le sue dimensioni e le sue finalità, non vuole essere esaustivo ma vuole offrire una prima base di valutazione e conoscenza.
L
o trovi su: www.delmedico.it

Ossigenazione dei semi dei piselli

Nel caso dei piselli, una buona pratica per favorire l’ossigenazione del seme consiste nel tracciare un solco appena un poco più profondo (circa 8-10 cm) e disporre sul fondo un paio di centimetri din terriccio da giardino. Su questo disporre i semi, coprendoli con altri due o tre centimetri di terriccio. Coprire poi il tutto con terra normale, e innaffiare moderatamente.

Fila di fagioli rampicanti seminata con la tecnica del filo teso tra due picchetti
 

File perfettamente dritte con filo e picchetti

Un orto ben progettato dovrebbe presentare vialetti e aiuole perfettamente dimensionati, secondo lo stile dei giardini all’italiana ed evitando la spontaneità tipica dei giardini detti all’inglese, dove le piante sono poste a caso senza rispettare nessuna forma geometrica.
In una corretta geometria dell’orto, la presenza di file di ortaggi non parallele o serpeggianti sono un vero schiaffo per il senso estetico di un vero hobbista. Per ottenere aiuole perfette e file parallele ben dritte si può usare il metodo antico ma sempre efficace del filo guida. Basta piantare due picchetti, uno all’inizio e uno alla fine della fila nascente, e tendere un filo tra i due picchetti.  Per i trapianti, si disporranno tutte le piantine perfettamente allineate al filo. Per le semine, si traccerà con una zappetta triangolare un solco seguendo attentamente il filo, e si lasceranno cadere i semi esattamente sul fono del solco.

In queste file di fagioli borlotti alcune piantine non nate sono state rimpiazzate riseminando in campo. Si nota lo sviluppo diverso: a breve le piantine riseminate verranno soffocate dalla vegetazione delle più grandi
 


500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
L
o trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI


L’orto sul balcone ABC

272 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 15,10.  Vedi prezzo scontato

 

Una guida validissima e completa per chi desidera iniziare la coltivazione di un orto sul balcone o sul terrazzo, anche in uno spazio piccolissimo. Il libro contiene anche diversi progetti di orti da 2 a 40 metri quadrati, completi di piantina e piano produttivo. Naturalmente, oltre alle informazioni necessarie all’impianto dell’orto, il libro contiene anche le SCHEDE DI COLTIVAZIONE per tutti gli ortaggi coltivabili sui balconi.

Lo trovi su: www.delmedico.it
con SCONTI E OMAGGI

E se poi alcuni semi falliscono?

Una fila con mancanze è un po’ come un bel sorriso con un dente mancante,  Ripetere la semina quando ci si accorge della mancata germinazione il più delle volte non produce effetti positivi anche perché le piante nate prima e più grandi rischiano di soffocare o di ombreggiare eccessivamente le più piccole. Comunque, la differenza sarà sempre visibile.

Un rimedio consiste nel seminare,  nello stesso tempo della semina diretta in terra, alcune piantine in vasetti singoli, nel nostro vivaietto, Sia i semi in campo, sua quelli nel vivaio, nasceranno più o meno contemporaneamente sicché sarà possibile, in caso di mancanze sulla fila, rimpiazzare i vuoti con le piantine cresciute nei vasetti e trapiantate con il loro pane di terra.

Piantine di fave destinate a rimpiazzare eventuali mancanze sulle file in campo
 

Altri post interessanti:
CONSOCIARE GLI ORTAGGI. UNA PRATICA VINCENTE PER CHI HA POCO SPAZIO
COLTIVARE L’ORTO. LA CONCIMAZIONE FOGLIARE
I POMODORI NANI DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE   
Calendario lunare di Febbraio: tutte le semine nell’orto. Fare l’orto sul balcone. Come cominciare. Coltivare i cipollotti. L’assenzio è un ottimo antiparassitario. Newsletter 71 di Coltivare l’orto

 L’ASSENZIO, UN PREZIOSO ANTIPARASSITARIO CONTRO AFIDI, BRUCHI E FARFALLE

I CIPOLLOTTI SONO GUSTOSISSIMI, MA COME SI COLTIVANO? 

L’ORTO SUL BALCONE? SI PUO’ FARE. TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE 

TUTTE LE SEMINE NELL’ORTO DI FEBBRAIO. SEMINARE LE PATATE IN VASO. SCACCIARE I TOPI DAL GIARDINO E ALTRO. NEWSLETTER  70 DI COLTIVARE L’ORTO. 
CALENDARIO LUNARE DELL’ORTO. SEMINE DI FEBBRAIO  

UN RIMEDIO BIOLOGICO CONTRO I TOPI CHE INVADONO IL GIARDINO 
LE PATATE CRESCONO BENISSIMO ANCHE IN VASO 

ORTO DI FEBBRAIO. LE FAVE CRESCONO ED HANNO BISOGNO DI TUTORI

Potatura invernale delle siepi. Le sementi a nastro. Tre ortaggi per l’inverno. Frutta esotica sul balcone. News 69 di Coltivarec l’orto 

IL ROSSORE DELLE FOGLIE DELLA VITE CAUSATO DAGLI ACARI  

ORTO FACILE. SEMENTI A NASTRO O IN BANDA. CHE COSA SONO, COME SI USANO 
SEMINARE I FRUTTI ESOTICI SUL BALCONE

 LA POTATURA INVERNALE DELLE SIEPI RAMPICANTI 

 ORTO. VERDURE PER IL FREDDO: LA VALERIANA, O GALLINELLA    

FARE UN ORTO A GENNAIO? ECCO TRE ORTAGGI PER COMINCIARE 

LE MELANZANE SI SEMINANO IN LUNA CRESCENTE. LA SEMINA ANTICIPATA SI PUO’ FARE IN GENNAIO 

CONSOCIARE I CAVOLI? SI PUO’, MA SONO SCHIZZINOSI 

L’ORTO DELLA BUONA FORTUNA. BUON ANNO CON GLI ORTAGGI FORTUNATI 

POMODORI. SCEGLIAMO LE VARIETA’ DA COLTIVARE NELL’ORTO O SUL BALCONE 

FOGLIE INGIALLITE: CLOROSI FERRICA E CHELATI DI FERRO

AVETE ACCESO IL CAMINETTO? NON BUTTATE LA CENERE

MALATTIE DELLE FAVE: L’OCCHIO DI PAVONE O CERCOSPORA 

LE MINI-MELANZANE DA ANTIPASTO SI POSSONO COLTIVARE ANCHE IN VASO SUL BALCONE

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI     


Tutti i libri di Bruno Del Medico
Collezione completa  7 libri

IN OFFERTA SPECIALE
FINO AL 31 GENNAIO 2013
SOLO EURO 49,90
anziché 73,90
Vedi l’offerta su: ww.delmedico.it

 

 

BUON APPETITO A TUTTI!!!

 

 

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI

Coltivare l’orto. La pratica della rotazione delle colture

Il primo consiglio per chi, accingendosi a coltivare un orto, ne vuole ricavare il maggio profitto possibile, è quello di attuare la rotazione delle colture. Questa, che è stata una delle pratiche più antiche dell’agricoltura classica (la praticavano i contadini del Neolitico) oggi  è una delle più moderne  nell’orticoltura biologica, e si basa su un principio semplicissimo: evitare l’impoverimento del terreno

La rotazione delle colture è una pratica antichissima, rivalutata dalle tecniche di coltivazione biologica, che consente di avere sempre prodotti sani e abbondanti anche da un piccolo appezzamento
 

La rotazione consiste nel non riseminare per più anni consecutivi lo stesso ortaggio nello stesso terreno.
L’esperienza dimostra che coltivando in anni successivi lo stesso ortaggio nel medesimo posto, la produzione diventa sempre minore e la vulnerabilità alle malattie sempre più elevata.  Infatti ogni pianta sottrae al terreno particolari elementi chimici in misura e con modalità diverse. Coltivando sempre le stesse piante non si dà modo al terreno di ricostituire le scorte. Coltivando ortaggi diversi, invece, il terreno si rigenera mentre viene sfruttato diversamente.

Rotazione su 4 anni. Primo anno
 

Naturalmente non stiamo parlando delle scorte di macroelementi (azoto, fosforo e potassio) che vengono usare abbondantemente da ogni tipo di ortaggio e hanno bisogno di essere ricostituite con le concimazioni annuali.* Ci riferiamo più particolarmente alle scorte di microelementi (rame, fosforo, ferro, zinco, e decine di altri a volte usati in misure micrometriche ma determinanti).

* Fanno eccezione le leguminose che, anziché sottrarre azoto al terreno, lo arricchiscono

Rotazione su 4 anni. Secondo anno
 

Nella pratica ogni orticoltore con un minimo di esperienza sa che non si dovrebbe seminare lo stesso ortaggio nel medesimo appezzamento prima di tre o quattro anni. In effetti, se si arricchisce il terreno con del buon concime, la rotazione può ridursi anche a due – tre anni, ma se avete un terreno sufficientemente ampio da poter attuare una rotazione quadriennale, consiglio vivamente di farlo.

Rotazione su 4 anni. Terzo anno
 

Una buona rotazione è quella che prevede l’alternarsi sul terreno dei seguenti gruppi di ortaggi: 

Gruppo A – Leguminose  (Fagiolo, pisello, taccola, fava). Questi sono ortaggi detti da rinnovo, in quanto le loro radici fissano azoto ed arricchiscono il terreno.

Gruppo B – Brassicacee e Chenopodiacee (Cavolo, rapa, bieta, ecc.)

Gruppo C – Cucurbitacee  (Zucca, zucchina, cetriolo, ecc.)

Gruppo D – Solanacee (Peperone, melanzana, pomodoro, patata) 

Restano esclusi dalle rotazioni annuali le coltivazioni che si protraggono per più anni (asparagi, carciofi, fragole, ecc.) tenendo conto, però, che il principio vale anche per loro: infatti,  all’esaurimento della asparagiaia, sarà vivamente sconsigliato il reimpianto nella stessa parcella.

Rotazione su 4 anni. Quarto anno
 

In una rotazione triennale, invece, potreste  mettere insieme i due gruppi che abitualmente coltivate di meno. In questo modo gli altri due avrebbero maggiore spazio.

Schema di rotazione triennale. Nel settore CD si coltivano i due gruppi meno usati

 

 
VEDI ANCHE:

VERDURE D’INVERNO: SEMINA E TRAPIANTO DELLA BIETA A COSTE

ORTO. PREPARAZIONE ALLE SEMINE. VANGATURA E CONCIMAZIONE 

GENNAIO NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE ALL’APERTO E IN SERRA FREDDA O CALDA
LA PERONOSPORA NELL’ORTO: RICONOSCERLA E PREVENIRLA  

LA PERONOSPORA E LA REGOLA DEI TRE DIECI  

QUANDO FARE I TRATTAMENTI CONTRO LA PERONOSPORA DI VITE, POMODORO, PATATA, ROSA

 

PER NATALE REGALATI UN LIBRO PER L’ORTO
I migliori li trovi QUI
con SCONTI E OMAGGI

NOVITA’:  CALENDARIO LUNARE DELL’ORTO 2013
 

Freschissimo di stampa

500 SEGRETI PER AVERE UN ORTO MERAVIGLIOSO

Ottobre 2012 prima edizione

Formato 17X24

320 pagine

Prezzo euro 18,90

Vedi sconti e omaggi

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

3500 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
6400 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

LA ROTAZIONE DELLE COLTURE NELL’ORTO SPIEGATA IN POCHE PAROLE SEMPLICI

ROTAZIONE DELLE COLTURE

Il primo consiglio per chi, accingendosi a coltivare un orto, ne vuole ricavare il maggio profitto possibile, è quello di attuare la rotazione delle colture. Questa, che è stata una delle pratiche più antiche dell’agricoltura classica (la praticavano i contadini del Neolitico) oggi  è una delle più moderne  nell’orticoltura biologica, e si basa su un principio semplicissimo: evitare l’impoverimento del terreno

La rotazione delle colture è una pratica antichissima, rivalutata dalle tecniche di coltivazione biologica, che consente di avere sempre prodotti sani e abbondanti anche da un piccolo appezzamento
 

La rotazione consiste nel non riseminare per più anni consecutivi lo stesso ortaggio nello stesso terreno.
L’esperienza dimostra che coltivando in anni successivi lo stesso ortaggio nel medesimo posto, la produzione diventa sempre minore e la vulnerabilità alle malattie sempre più elevata.  Infatti ogni pianta sottrae al terreno particolari elementi chimici in misura e con modalità diverse. Coltivando sempre le stesse piante non si dà modo al terreno di ricostituire le scorte. Coltivando ortaggi diversi, invece, il terreno si rigenera mentre viene sfruttato diversamente.

Rotazione su 4 anni. Primo anno
 

Naturalmente non stiamo parlando delle scorte di macroelementi (azoto, fosforo e potassio) che vengono usare abbondantemente da ogni tipo di ortaggio e hanno bisogno di essere ricostituite con le concimazioni annuali.* Ci riferiamo più particolarmente alle scorte di microelementi (rame, fosforo, ferro, zinco, e decine di altri a volte usati in misure micrometriche ma determinanti).

* Fanno eccezione le leguminose che, anziché sottrarre azoto al terreno, lo arricchiscono

Rotazione su 4 anni. Secondo anno
 

Nella pratica ogni orticoltore con un minimo di esperienza sa che non si dovrebbe seminare lo stesso ortaggio nel medesimo appezzamento prima di tre o quattro anni. In effetti, se si arricchisce il terreno con del buon concime, la rotazione può ridursi anche a due – tre anni, ma se avete un terreno sufficientemente ampio da poter attuare una rotazione quadriennale, consiglio vivamente di farlo.

 

500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’

 
Rotazione su 4 anni. Terzo anno
 

Una buona rotazione è quella che prevede l’alternarsi sul terreno dei seguenti gruppi di ortaggi: 

Gruppo A – Leguminose  (Fagiolo, pisello, taccola, fava). Questi sono ortaggi detti da rinnovo, in quanto le loro radici fissano azoto ed arricchiscono il terreno.

Gruppo B – Brassicacee e Chenopodiacee (Cavolo, rapa, bieta, ecc.)

Gruppo C – Cucurbitacee  (Zucca, zucchina, cetriolo, ecc.)

Gruppo D – Solanacee (Peperone, melanzana, pomodoro, patata) 

Restano esclusi dalle rotazioni annuali le coltivazioni che si protraggono per più anni (asparagi, carciofi, fragole, ecc.) tenendo conto, però, che il principio vale anche per loro: infatti,  all’esaurimento della asparagiaia, sarà vivamente sconsigliato il reimpianto nella stessa parcella.

Rotazione su 4 anni. Quarto anno
 

In una rotazione triennale, invece, potreste  mettere insieme i due gruppi che abitualmente coltivate di meno. In questo modo gli altri due avrebbero maggiore spazio.

Schema di rotazione triennale. Nel settore CD si coltivano i due gruppi meno usati

 


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni manuali sono disponibili anche in formato
E-book.
Vedi i titoli disponibili sul sito
Lulu.com,
acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti e niente spese di spedizione.

Come concimare l’orto
L’orto sul balcone ABC
Che cosa mettere nell’orto
Risparmiare con il compost
Coltivare l’orto, I° edizione
Cercando Poimandres (mentre l’acqua corre nell’orto…)
 
 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

6.100 iscritti
a settembre 2013

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
9.000 fans!!!
a settembre 2013

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

 

 

Nasce “COLTIVARE L’ORTO EDITRICE” con un catalogo tutto dedicato all’orticoltura

Una nuova Casa editrice per chi ama coltivare l’orto

Tra le aree editoriali mirate ai più diversi settori di nicchia ne mancava una dedicata a chi ama coltivare l’orto, nonostante questo settore d’interesse stia crescendo di mese in mese in modo esponenziale. Lo testimoniano i numerosissimi siti e blog presenti sul web. Il curatore dei più diffusi, che è anche autore di diversi libri sull’argomento, aggiunge alla sua attività questa nuova avventura editoriale

Già 2000 anni fa lo scrittore romano Lucio Giunio Moderato Columella, introducendo la sua opera  “L’Arte dell’Agricoltura”, affermava che “la scienza agricola, che senza dubbio è vicina, per nobiltà e importanza, alla sapienza, non ha né chi la insegni né chi la impari”. E continuava affermando che la società del suo tempo avrebbe potuto senz’altro fare a meno di molti filosofi e parlatori, arti per le quali esistevano molte scuole, ma non avrebbe potuto fare a meno dei prodotti della campagna:  nonostante ciò, non erano previste scuole che ne formassero gli operatori.

Lo scrittore romano Lucio Giunio Columella lamentava che, pur essendo l’agricoltura una delle arti più utili allo Stato, non esistevano scuole per insegnarla
 

La situazione attuale è la stessa: mentre crescono sempre più le persone interessate alla coltivazione dell’orto, non esistono scuole né insegnanti ma ogni cosa è affidata all’esperienza diffusa,  alimentata dalle tradizioni locali e dal “sentito dire”. Questo è causa, spesso, di insuccessi e delusioni.
Il curatore di molti blog dedicati all’argomento, tra i quali questo, è Bruno Del Medico,  autore del libro “500 segreti per avere un orto meraviglioso”. L’esperienza di un hobby coltivato per più di mezzo secolo gli consente oggi di trasformarsi in imprenditore del settore e proporsi con cognizione di causa come una delle istanze più titolate per supplire alla mancanza di riferimenti culturali certi.
 

Due titoli presenti njel catalogo delle edizioni Coltivare l’orto
 

La nuova casa editrice, che prende il nome “Coltivare l’orto” per evitare ogni equivoco sulla propria vocazione, nasce con un catalogo di quattro titoli ai quali se ne aggiungeremmo altri otto nel corso del 2013.
Al momento i libri sono acquistabili nelle migliori librerie online, ma l’acquisto può essere più veloce (e accompagnato da sconti e omaggi) se effettuato da gennaio sul sito della editrice, www.coltivarelorto.it  mente al momento i libri si possono acquistare da tutti i blog creati dall’editore e dal sito www.delmedico.it
Naturalmente blog e siti del network continueranno ad avere la funzione di fornire preziosi consigli ed aiuti a tutti i visitatori. Sui blog sono anche disponibili e-book gratuiti dedicati all’orto.
 

Altri due titoli presenti njel catalogo delle edizioni Coltivare l’orto. Il programma editoriale del 2013 prevede altri 8 nuovi titoli
 
VEDI ANCHE:

VERDURE D’INVERNO: SEMINA E TRAPIANTO DELLA BIETA A COSTE

ORTO. PREPARAZIONE ALLE SEMINE. VANGATURA E CONCIMAZIONE 

GENNAIO NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE ALL’APERTO E IN SERRA FREDDA O CALDA
LA PERONOSPORA NELL’ORTO: RICONOSCERLA E PREVENIRLA  

LA PERONOSPORA E LA REGOLA DEI TRE DIECI  

QUANDO FARE I TRATTAMENTI CONTRO LA PERONOSPORA DI VITE, POMODORO, PATATA, ROSA

 

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

3500 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
6400 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

Nasce “COLTIVARE L’ORTO EDITRICE” con un catalogo tutto dedicato all’orticoltura

Una nuova Casa editrice per chi ama coltivare l’orto

Tra le aree editoriali mirate ai più diversi settori di nicchia ne mancava una dedicata a chi ama coltivare l’orto, nonostante questo settore d’interesse stia crescendo di mese in mese in modo esponenziale. Lo testimoniano i numerosissimi siti e blog presenti sul web. Il curatore dei più diffusi, che è anche autore di diversi libri sull’argomento, aggiunge alla sua attività questa nuova avventura editoriale

Già 2000 anni fa lo scrittore romano Lucio Giunio Moderato Columella, introducendo la sua opera  “L’Arte dell’Agricoltura”, affermava che “la scienza agricola, che senza dubbio è vicina, per nobiltà e importanza, alla sapienza, non ha né chi la insegni né chi la impari”. E continuava affermando che la società del suo tempo avrebbe potuto senz’altro fare a meno di molti filosofi e parlatori, arti per le quali esistevano molte scuole, ma non avrebbe potuto fare a meno dei prodotti della campagna:  nonostante ciò, non erano previste scuole che ne formassero gli operatori.

Lo scrittore romano Lucio Giunio Columella lamentava che, pur essendo l’agricoltura una delle arti più utili allo Stato, non esistevano scuole per insegnarla
 

La situazione attuale è la stessa: mentre crescono sempre più le persone interessate alla coltivazione dell’orto, non esistono scuole né insegnanti ma ogni cosa è affidata all’esperienza diffusa,  alimentata dalle tradizioni locali e dal “sentito dire”. Questo è causa, spesso, di insuccessi e delusioni.
Il curatore di molti blog dedicati all’argomento, tra i quali questo, è Bruno Del Medico,  autore del libro “500 segreti per avere un orto meraviglioso”. L’esperienza di un hobby coltivato per più di mezzo secolo gli consente oggi di trasformarsi in imprenditore del settore e proporsi con cognizione di causa come una delle istanze più titolate per supplire alla mancanza di riferimenti culturali certi.
 

Due titoli presenti nel catalogo di Coltivare l’orto Editrice
 

La nuova casa editrice, che prende il nome “Coltivare l’orto” per evitare ogni equivoco sulla propria vocazione, nasce con un catalogo di quattro titoli ai quali se ne aggiungeremmo altri otto nel corso del 2013.
Al momento i libri sono acquistabili nelle migliori librerie online, ma l’acquisto può essere più veloce (e accompagnato da sconti e omaggi) se effettuato da gennaio sul sito della editrice, www.coltivarelorto.it  dal quale si possono acquistare tutti i libri
Naturalmente blog e siti del network continueranno ad avere la funzione di fornire preziosi consigli ed aiuti a tutti i visitatori. Sui blog sono anche disponibili e-book gratuiti dedicati all’orto.
 

Altri due titoli presenti njel catalogo delle edizioni Coltivare l’orto. Il programma editoriale del 2013 prevede altri 8 nuovi titoli
 


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni manuali sono disponibili anche in formato
E-book.
Vedi i titoli disponibili sul sito
Lulu.com,
acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti e niente spese di spedizione.

Come concimare l’orto
L’orto sul balcone ABC
Che cosa mettere nell’orto
Risparmiare con il compost
Coltivare l’orto, I° edizione
Cercando Poimandres (mentre l’acqua corre nell’orto…)
 
 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

6.100 iscritti
a settembre 2013

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
9.000 fans!!!
a settembre 2013

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!