Archivi categoria: 04-10) Cosa fare in Ottobre

Ottobre. I lavori nell’orto. i carciofi, moltiplicazione. Terricci, lavorazioni di fondo

Ottobre. I lavori nell’orto. i carciofi, moltiplicazione. Terricci, lavorazioni di fondo

 

Il mese di ottobre è dedicato alla raccolta dei semi per le varietà che si vogliono coltivare nuovamente l’anno successivo, alla cimatura dei pomodori che ormai svettano verso l’alto con cime improduttive, alle semine degli ortaggi destinati alla mensa autunnale e invernale e alla raccolta di una quantità di verdure.
 

In ottobre si iniziano i lavori  tipicamente destinati a sostituire le colture terminate con le nuove, destinate alla produzione autunnale e invernale. Questo è vero specialmente nelle regioni più fredde, mentre in quelle calde prosegue la produzione di molti ortaggi come pomodori, melanzane e peperoni.

Considerando questa differenza di clima, ecco alcune operazioni consigliate nelle regioni a temperatura più rigida, dove il ciclo produttivo degli ortaggi estivi è già terminato.

E’ tempo di raccogliere l’insalata da taglio.Usando una forbice affilata tagliate le foglie a 1 cm circa dal suolo in modo che l’insalata ricresca per un raccolto successivo

Smontare i sostegni delle piante rampicanti

Dove il ciclo produttivo di molti ortaggi rampicanti o bisognosi di sostegni è concluso, occorre liberare le aiuole da tutti i resti della coltivazione. Anzitutto con l’aiuto di attrezzi da taglio si eliminano tutte le piante; i laccetti che le sostenevano, se non sono biodegradabili, vanno smaltiti con i metodi in uso (residuo o plastica dove si fa la raccolta differenziata). Le piante vanno sradicate e tranciate in pezzi, dopodiché si smaltiscono in due modi diversi:

– se si trattava di piante sane, vanno messe nel cumulo del compost dove daranno origine, nel giro di un anno, a dell’ottimo compost: in pratica, verranno usate per restituire al terreno buona parte delle sostanze nutritive che hanno prelevato in vita;

– se invece si trattava di piante ammalate (come per esempio quelle di zucchina, che finiscono sempre molto aggredite dall’oidio) allora non vanno messe nel compost ma è preferibile bruciarle, se possibile, oppure smaltirle nell’umido in modo da conferirle alla discarica.

E’il momento di liberare il terreno dalle coltivazioni concluse

E’ vero che qui vengono comunque utilizzate, molto spesso, per produrre del compost, ma i procedimenti industriali indicono nella massa dei processi di pastorizzazione e sterilizzazione che eliminano gli agenti patogeni.

La stessa cosa può avvenire nel nostro cumulo del compost, se siamo capaci, con un po’ di esperienza, di guidare il processo in modo che, nel cumulo, il lavoro dei batteri dia origine a un calore interno pari a 30-40 gradi. Ho descritto queste tecniche nel mio libro Risparmiare con il compost.

I resti di piante sane vanno messe nel cumulo del compost. mentre quelle ammalate vanno eliminate, se possibile bruciandole

500 segreti per avere un orto meraviglioso

320 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 18,90  Vedi prezzo scontato

L’antica abitudine di coltivare un orto sta tornando di grande attualità. Dopo qualche decennio trascorso nella illusione di un consumismo facile senza prezzi da pagare, ci stiamo accorgendo che alcuni prezzi ci sono: la rinuncia alla genuinità dei cibi e una totale subordinazione a un sistema produttivo di cui non si conoscono i meccanismi. L’orto come lo si intende oggi non è solo una piccola fonte di reddito, ma soprattutto una nuova filosofia di vita, un metodo sano per recuperare il giusto rapporto con la natura, con la terra e con il cielo. Purtroppo, molte conoscenze sono andate perse, e oggi non esistono scuole né insegnanti in grado di trasferire cognizioni non accademiche, ma pratiche, a chi vuole incominciare.
SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’

I tutori vanno estratti dal terreno, liberati di ogni residuo e conservati riuniti in fasci, in piedi, al riparo dalla pioggia. Le reti di plastica possono essere recuperate previa pulitura dei residui, ma sarà molto difficile riutilizzarle l’anno successivo. Se sono stese su un supporto ben solido si possono lasciare sul posto semplicemente sollevandole dal terreno, arrotolate fino a circa un metro di altezza, in modo che il terreno sottostante sia disponibile per la coltura successiva. Quando si vorranno utilizzare di nuovo basterà svolgerle nuovamente fino a terra. Essendo di plastica, queste reti non deperiscono per effetto delle intemperie.

In questo mese tornano utile gli stivali. Quando li togliete, riponeteli come nella foto

Preparare i terricci

Il  terreno degli orti è sempre stato conosciuto come “terra grassa”, condizione derivante dall’apporto continuato, negli anni, di materiale biologico che lo arricchisce di humus, come tipicamente il letame. I concimi biologici, come le deiezioni degli animali, hanno la capacità di cambiare la struttura del terreno rendendolo più fertile, capacità che i concimi chimici non hanno. Una funzione sostitutiva dei benefici del letame, sempre più difficile da trovare e complicato da usare, può essere svolta dal compost.

L’ortica è ottima se aggiunta al compost, al quale apporta abbondante azoto

Il compost, con la sua naturale scarsa compattezza, rende il terreno più poroso, più permeabile alle radici, più ricco di humus, e anche più nero, il che è un grosso vantaggio dal punto di vista del riscaldamento del terreno: infatti, i terreni sabbiosi, generalmente chiari, sono sempre più freddi perché trattengono meno il calore solare. Il telo nero usato per la pacciamatura aiuta il riscaldamento del terreno, ma ogni azione che lo scurisce è utile per anticipare anche di diversi giorni la possibilità di seminare. In proposito, molti usano buttare nell’orto i fondi del caffè, senza sapere esattamente perché lo fanno.

Potete preparare i terricci per i vostri vasi (non di fiori, ma di ortaggi o aromatiche, per esempio se coltivate l’orto sul balcone o su zone lastricate o pietrose) seguendo i consigli contenuti in questo post:

Preparare i vasi

Nelle lavorazioni autunnali interrate letame o compost con la vangatura

 

Come CONCIMARE L’ORTO
Uso dei concimi
organici e chimici
con la ricetta per ogni ortaggio
, anche in vaso. Fertilizzare il terreno  con il compost

110 Pagine. Formato 17×24 cm. Illustrato
Euro 10,00 
L’orto classico è sempre stato coltivato su aree di terreno concimate ogni anno, ripetutamente, tramite l’aggiunta di concimi organici, come le deiezioni animali. Per questo, quando si parla di terra da orto, si intende una terra ben grassa e fertile. Purtroppo negli ultimi decenni diversi fattori hanno fatto sì che gli ortaggi venissero coltivati in terreni sempre meno fertili: da qui l’esigenza di aggiungere elementi nutritivi a base di concimi chimici. Anche nei piccoli orti domestici diventa sempre più difficile fornire annualmente le dosi minime necessarie di concimi organici, per diversi motivi quali i problemi di gestione pratica e igienica degli stallatici, la difficoltà di reperimento dovuta alla rarefazione delle stalle e, nelle zone più abitate, i problemi di convivenza con il vicinato. Gli ortaggi sottraggono grandi quantità di nutrimento al terreno, la cui fertilità va integrata ad ogni nuova coltivazione; dunque, oltre a soffermarsi sulla concimazione organica, questo libro esplora anche le tecniche di concimazione chimica.

PER SAPERNE DI PIU’

Disponibile anche in formato E-book.  Acquista e leggi subito senza tempi e spese di spedizione. Compra su Lulu  

Iniziare la lavorazione di fondo dei terreni liberati

Ottobre (e novembre) sono i mesi utili per iniziare la lavorazione di fondo delle parcelle che avere liberato dalle coltivazioni, specialmente se resteranno libere fino alla primavera successiva. La lavorazione di fondo si fa con una vangatura profonda, nel corso della quale viene interrato del materiale concimante e fertilizzante. Basta spargerlo sul terreno e rivoltarlo sotto le zolle durante la vangatura. Sul terreno potete spargere letame (se ne avete) in ragione di 40 kg per 10 metri quadrati. Altrimenti compost nella stessa misura, stallatico pellettato nella misura di 300-400  grammi per mq.

La vangatura fatta rovesciando le zolle espone molte larve e insetti terricoli all’azione predatrice degli uccelli insettivori. Se vi capita qualche lombrico abbiate cura di ricoprirlo, perché è molto utile per la fertilità del terreno.

Tra i lavori da non trascurare c’è quello di svuotare i cassoni d’acqua e ripulirli all’interno dalle incrostaziini di alghe

Altri lavori tipici del mese di ottobre

Continuate la scerbatura delle colture in atto, eliminando tutte le piante infestanti. L’eccezione è una sola: in questo periodo spuntano tutte le ortiche disseminate dalle piante fiorite in primavera. Conservate, in una piccola zona dell’orto, una buona scorta di ortica che sarà utilissima nella preparazione dei macerati per la lotta biologica ai parassiti. Per avere l’ortica sempre disponibile riunite le gambe in mazzi  e mettetele a seccare appese in un luogo asciutto. I macerati si possono preparare anche con l’ortica secca.

Potete imbianchire alcune verdure che si raccolgono in questa stagione, come per esempio i cardi. L’imbianchimento consiste nel serrare le foglie della pianta legandole tra un foglio di plastica, della paglia, o ricoprendole di terra fino alla massima altezza possibile. L’imbianchimento dà origine a coste molto bianche e tenere. Va fatto una quindicina di giorni prima della raccolta.

  

 

Tunnel di protezione

Nelle zone mediamente fredde cominciate a preparare i materiali per allestire i tunnel di protezione. Vi occorreranno degli spezzoni metallici (fil di ferro molto grosso) da piegare ad arco in modo che circa 20 cm della estremità libera siano infissi nel terreno, e il culmine dell’arco si elevi circa 70 cm dal piano di coltivazione. Gli archetti vanno disposti a 50-60 cm uno dall’altro e su di loro va steso un telo agricolo in PVC. Sostituite i teli che avete usato per più anni e non garantiscono più la necessaria trasparenza. Lo spessore minimo del telo è di 0,15 ma si consiglia uno spessore superiore. Oltre al classico PVC si può trovare negli empori più forniti il telo EVA (etilen-vinil-acetato) che ha una durata maggiore.

Continuate l’eliminazione delle erbe spontanee dale coltivazioni

Oggi sono anche disponibili film termici a tre strati, con minuscole bollicine d’aria che ostacolano l’azione dei raggi ultravioletti: questo crea una luce diffusa con maggiore luminosità invernale e, nelle giornate calde, protegge le piantine da un eccessivo riscaldamento.

 

Seminare l’aglio

Da ottobre inizia la messa a dimora degli spicchi di aglio. Non letamate il terreno destinato a questa coltura, per evitare marciumi e cattivi sapori.  Per la riproduzione si possono usare gli spicchi più belli (quelli esterni) anche di bulbi acquistati nei mercati locali e destinati alla cucina, ma preferite quelli di provenienza sicuramente locale perché quelli lavorati industrialmente spesso sono trattati con prodotti che ne bloccano la germinazione, oppure provengono da cultivar non adatte alla vostra zona.

Preparate i materiali per l’allestimentoi dei tunnel di protezione dal freddo

Risparmiare con il compost

144 Pagine. Formato 14X21 cm. Illustrato
Euro 13,20.  Vedi prezzo scontato

Una famiglia di 3-4 persone con un orto-giardino di ordinaria grandezza può produrre ogni anno 5 quintali di rifiuti organici dai quali si ricavano comodamente 2 quintali di compost, pari a dieci sacchetti di terriccio da giardino da 50 litri. Questo riduce praticamente a zero le spese per acquisto di fertilizzanti. Inoltre, molti Comuni offrono sconti e facilitazioni a chi composta in proprio. Questo libro è un manuale completo per il riciclo dei rifiuti domestici e del giardino. Illustra tutte le tecniche per ottenere gratuitamente un ottimo fertilizzante e  ammendante dei terreni. E’  arricchito da schede, tabelle e immagini che guidano il lettore nella produzione del compost sia nel giardino sia sul balcone di casa, anche con una compostiera autocostruita.

SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’

Disponibile anche in formato Ebook. Acquista e leggi subito senza tempi e spese di spedizione. Compra su Lulu  

Altre semine e trapianti

Per tutte le semine e trapianti di ottobre rimando all’altro post pubblicato in precedenza, che vi suggerisce le semine del mese tenendo conto anche delle fasi lunari, se le tenete in considerazione. Lo trovate qui:
Tutte le semine di ottobre

E’ora di seminare l’aglio. Scegliete gli spicchi più grossi. Nelle zone temperate interrateli lasciando fuori terra la punta

Moltiplicare i carciofi con i carducci. La scarducciatura

La scarducciatura, ha il duplice obiettivo di eliminare i getti in eccesso e di utilizzarne alcuni per la moltiplicazione della carciofaia.

Per ottenere i carducci occorre scavare a lato della pianta, in modo da scoprire le radici sotterranee. Da qui partono dei nuovi germogli, cioè della radici provenienti da quella principale da cui spuntano germogli. Alla base di ogni pianta si lasciano solo i carducci più belli e vigorosi, in numero di due o tre al massimo. I carducci da destinare alla moltiplicazione della carciofaia vanno prelevati lasciando attaccata una parte della radice madre, detta “tallone”. Questo accorgimento favorirà la ripresa. Potete mettere i carducci direttamente in terra, oppure potete sistemarli provvisoriamente in vasi di plastica da cui poi li trasferirete in terra quando sarete certi del loro attecchimento.

Prelevare i carducci da una pianta di carciofo


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni manuali sono disponibili anche in formato
E-book.
Vedi i titoli disponibili sul sito
Lulu.com,
acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti e niente spese di spedizione.

Come concimare l’orto
L’orto sul balcone ABC
Che cosa mettere nell’orto
Risparmiare con il compost
Coltivare l’orto, I° edizione
Cercando Poimandres (mentre l’acqua corre nell’orto…)

Vuoi vedere la raccolta di tutti i migliori articoli pubblicati da Coltivare l’orto?La trovi qui

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

6.400 iscritti
a ottobre 2013

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
9.100 fan!!!
a ottobre 2013

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!
 
 

 

 

 

OTTOBRE NELL’ORTO. TABELLA DELLE SEMINE

Coltivare l’orto. Semine di ottobre

Ottobre è ancora un mese utile per iniziare un orto, se si sanno scegliere le verdure. Rinunciando definitivamente a coltivare zucchine, fagiolini e pomodori, in attesa che arrivi il prossimo anno, possiamo dedicarci ad una vasta gamma di verdure tipicamente autunnali e invernali, non per questo meno gustose. A chi rimpiange l’insalata di pomodori propongo un ottimo minestrone di verdure miste, che non ha assolutamente niente da invidiare

I cavoli sono molto resistenti al freddo
 

Il momento migliore

 I mesi autunnali e invernali hanno la piacevole caratteristica di vedere ridotta al minimo la necessità di irrigazione, e registrano la scomparsa dellagran parte dei parassiti che d’esatte mordevano, rosicavamo e distruggevano i nostri ortaggi. Con ilo minor caloreanch ele malattie crittogamiche si riducono molto. Infine,  le verdure che si possono mettere in campo in ottobre sono tutte quelle di più facile coltivazione.

Aglio pronto al trapianto
 

E’ l’ora dei cavoli  e della Cima di rapa

I cavoli possono essere coltivati anche nei mesi estivi, ma molti preferiscono metterli in campo in questo periodo per due motivi validissimi. Il primo, è che vogliono riservare tutto lo spazio disponibile nell’orto  a pomodori, peperoni e melanzane, zucchine e fagiolini. Il secondo motivo è che i cavoli riescono benissimo anche l’inverno, quando gli ortaggi da mettere nell’orto non sono tanti come l’estate

Cime di rapa
 

La Cima di rapa preferisce clima mite ma continua la sua crescita anche fino a soli 5°C. Ama terreno sciolto, ph medio (6-7) ed esposizione soleggiata. La semina si può fare in campo in file distanti 40/60 cm e alla distanza di circa 15 cm sulla fila. In pratica, essendo il seme finissimo (300-400 semi per grammo) si semina in file ininterrotte oppure a spaglio, e si procede al diradamento quando le piantine sono alte almeno 4-5 cm.Per saperne di più segui questi link:
Coltivare le cime di rapa nell’orto  

Coltivare le cime di rapa in vaso

Le fave fioriranno già dalla fine di febbraio
 

Ortaggi molto resistenti al freddo

 Ecco qui un piccolo elenco degli ortaggi MOLTO  resistenti al freddo:
Aglio
Asparago
Cardo
Cavolo di Bruxelles, Cavolo Cappuccio, Caviolo Verza o di Milano, Cavolo nero o Cavolo penna o Cavolo Toscano
Fava
Fragola
Pisello
Porro
Radicchio
Rapa
Spinacio

Fragole ai primi di aprile
 

Temperatura minima di germinazione e media di crescita

L’individuazione più puntuale delle date di semina è data dall’osservazione  della temperatura locale, nell’ambito del periodo preferito dalla specifica coltivazione. Ogni ortaggio ha una TEMPERATURA MINIMA DI GERMINAZIONE, al di sotto della quale la pianta non nasce (e spesso neppure al di sopra). Quindi prima di procedere ad una semina osservare la temperatura DI PICCO della propria zona, cioè quella più alta, in genere il pomeriggio, e confrontarla con quelle indicate nella tabella qui sotto.

Così pure per crescere ogni pianta ha bisogno di una temperatura diversa da quella di germinazione che definiamo TEMPERATURA MEDIA DI CRESCITA. Questa è data da una media ragionevole tra la minima notturna e la massima diurna. E’ ovvio che queste due non devono presentare picchi come zero gradi o quaranta gradi, in questi casi la media non è ricavabile. Cioè, l’intervallo tra la minima e la massima deve essere ragionevole.

Fioritura del porro
 

Ecco qui sotto la Tabella delle semine di OTTOBRE

SEMINE E TRAPIANTI NELL’ORTO DI OTTOBRE

Ortaggio

Temperature

Operazioni  all’aperto

 

Minima di germinazione C°

Media di crescita

Operazione
(S= Semina  T= Trapianto)

Bieta a coste
e erbette

15

15-20

ST

Carciofo

30

15-20

T

Carota

25.30

15-20

S

Cavolo broccolo

30

15-20

ST

Cavolo cappuccio

25-30

15-20

ST

Cavolfiore

30

15-20

ST

Cavolo verza

25-30

15-20

ST

Cavolo di Bruxelles

30

15-20

ST

Cicoria a cespo

20-25

15-20

ST

Cicoria da taglio

20-25

15-20

ST

Cicoria rossa
o radicchio

20-25

15-20

ST

Cima di rapa

25

15-20

S

Cipolla invernale

25-30

15-20

S

Fagioli nani

30

25

S

Fave

25-30

15-20

S

Finocchi

20-25

15-20

ST

Indivia riccia
e scarola

20-25

15-20

ST

Lattuga da taglio

20-25

15-20

S

Lattuga a cappuccio varietà di stagione

20-25

15-20

ST

Lattuga romana

20-25

15-20

ST

Prezzemolo

15-20

15-20

ST

Rapa

25-30

15-20

ST

Ravanello

20-25

15-20

ST

Rucola

15

15-20

ST

Scirzobianca

20

15-20

S

Sedano

20-25

15-20

ST

Spinacio

15-20

15-20

ST

Valeriana

15

15-20

S

 

Semi di spinacio
Piselli coltivati in vivaio e pronti al trapianto
 

Vedi anche questi articoli:
Favorire l’impollinazione dei pomodori
Concimare l’orto con lo stallatico pellettato, ottimo succedaneo del letame
Quando spunta? Tempi di germinazione degli ortaggi
Verificare la scadenza dei semi
Il trapianto a radice nuda. Superare lo stress del trapianto

 

Vorresti coltivare un orto, ma non sai come cominciare?

Ricevi molti consigli ma non sai quali siano quelli giusti?
Sei affascinato dalla possibilità di arricchire la tua tavola con cibi genuini?
Sapevi che ci sono più di cento tipi di ortaggi?
E’ possibile avere ortaggi freschi tutto l’anno?
Come seminare, trapiantare, concimare, innaffiare?
Vuoi avere indicazioni chiare sul metodo migliore per fare un orto?
Sapevi che puoi fare un orto in un piccolo spazio sul tuo balcone?
Sapevi che si possono coltivare ortaggi in vaso?
Vorresti diventare un esperto nella coltivazione dell’orto?
Vorresti iniziare un hobby che non ti costi, ma rappresenti un vantaggio per la tua economia domestica? 

Tutto questo a molto di più lo puoi trovare seguendo tutte le iniziative del network COLTIVARE L’ORTO.
COLTIVARE L’ORTO E’…..

NOVITA’
L’ORTO SUL BALCONE ABC

 
Per saperne di più
 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

3.400 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
4.900 fan!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!

OTTOBRE nell’orto. Tabella delle semine

Nei piccoli orti, ben compostati e concimati, l’antica misura di sottoporre a riposo la terra diventa superflua. Una volta liberata la terra dalle coltivazioni estive, potete dare inizio a quelle invernali che daranno frutti preziosi per febbraio e marzo

Ottobre è il mese migliore per raccogliere i semi degli ortaggi che ci hanno soddisfatto e che vogliamo coltivare ancora nel nostro orto. A questo argomento sono dedicati altri post. La raccolta degli ortaggi estivi ci assorbe ancora molto, per  quanto molti stiano volgendo al termine della loro produzione. Molti di quelli seminati precocemente stanno già seccando, mentre quelli trapiantati n maggio o giugno potrebbero continuare la loro produzione fino a fine ottobre (i pomodori) o fino quasi a natale (i peperoni friggitelli) condizioni climatiche permettendo.

Alla fine di settembre i peperoni sono ancora nel pieno della produzione
 

Mentre siamo assorti da queste attività non dobbiamo tralasciare di rimpiazzare con delle verdure invernali tutti gli spazi vuoi che si vanno creando. Quelli derivanti da coltivazioni più impegnative potranno eventualmente essere lasciati a riposo, ma se il vostr orto è sempre arricchito da buon compost, ben lavorato e concimato, tale misura non è più così impellente. Le verdure seminate da qui a novembre, se la vostra zona climatica lo permette, saranno veramente le benvenute nei mesi di febbraio e marzo.

In questo momento l’orto è ricco e generoso, inonda la tavola con i suoi prodotti.
 

Calendario delle semine e zone climatiche
L’Italia, oltre ad allungarsi molto nel mare mediterraneo costituendo un ponte dall’Europa  all’Africa, è composta da territori affacciati sul mare che diventano subito collinari e montuosi nelle catene alpina ed appenninica. Ciò determina una grande varietà di climi e temperature che coesistono nei medesimi periodi. Se nel mese di marzo in Sicilia è già possibile seminare all’aperto pomodori e peperoni, in altre regioni questo si può fare solo a maggio. Nella pratica, si usa dividere la penisola in quattro zone climatiche principali: la zona alpina e appenninica, la pianura padana con la fascia adriatica, la zona tirrenica dalla Liguria alla Calabria e le isole.

Ciò detto, risulta evidente che una Tabella delle semine, se è adatta ad una fascia climatica, può non esserlo per le altre. Le Tabelle che io propongo in questo blog sono mirate alla zona padano-adriatica, e tuttavia è possibile adattarle alla propria realtà considerando grosso modo queste differenze:
zona alpino-appenninica: un ritardo di 25-30 giorni
zona tirrenica: un anticipo di una settimana circa
zona insulare: un anticipo di 25-30 giorni

Le fave possono essere seminate da settembre a marzo
 

Temperatura minima di germinazione e media di crescita
Però l’individuazione più puntuale del periodo di semina è data dall’osservazione  della temperatura locale. Ogni ortaggio ha una TEMPERATURA MINIMA DI GERMINAZIONE, al di sotto della quale la pianta non nasce (e spesso neppure al di sopra). Quindi prima di procedere ad una semina osservare la temperatura DI PICCO della propria zona, cioè quella più alta, in genere il pomeriggio, e confrontarla con quelle indicate nella tabella qui sotto.

Così pure per crescere ogni pianta ha bisogno di una temperatura diversa da quella di germinazione che definiamo TEMPERATURA MEDIA DI CRESCITA. Questa è data da una media ragionevole tra la minima notturna e la massima diurna. E’ ovvio che queste due non devono presentare picchi come zero gradi o quaranta gradi, in questi casi la media non è ricavabile. Cioè, l’intervallo tra la minima e la massima deve essere ragionevole.

E’ il momento di raccogliere i peperoncini a campanella, sia per il consumo che per l’approvvigionamento di semi.
 

Esaurite queste premesse, ecco la Tabella delle semine possibili nel mese di ottobre.

TABELLA DELLE SEMINE NELMESE DI OTTOBRE

Ortaggio

Zone alpine o appenniniche

Zona padana, adriatica, tirrenica, isole

Temperatura minima di germinazione C°

Temperatura media di produzione C°

Aglio (spicchi)

Semina protetta

Semina protetta

 

15-20

Asparagi (radici)

Semina protetta

Semina protetta

 

15

Bieta a coste o erbette

Trapianto

Trapianto

15

15-20

Carota

Semina protetta

Semina

25-30

15-20

Cavoli broccoli

Trapianto

Trapianto

30

15-20

Cavoli cappucci

Trapianto

Trapianto

25-30

15-20

Cavolfiori

Trapianto

Trapianto

25-30

15-20

Cavoli verza

Trapianto

Trapianto

25-30

15-20

Cicoria a cespo

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Cicoria indivia riccia o scarola

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Cicoria rossa

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Cime di rapa

Semina Trapianto

Semina Trapianto

25

15-20

Cipolle giorno breve

Trapianto

Trapianto

25-30

15-20

Cipolle bulbilli

Trapianto

Trapianto

25-30

15-20

Fave

Semine

Semina

25-30

15-20

Finocchi

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Fragole

Trapianto

Trapianto

6

10

Lattuga da taglio

Semina protetta

Semina

20-25

15-20

Lattuga a cappuccio varietà di stagione

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Lattuga romana

Trapianto

Trapianto

20-25

15-20

Piselli

Semina

Sermina

5

Inferiore a 15

Prezzemolo

Semina-Trapianto

Semina-Trapianto

15-20

15-20

Rapa

Trapianto

Semina-Trapianto

25-30

15-20

Ravanello

Semina all’aperto

Semina all’aperto

20-25

15-20

Rucola

Semina protetta

Semina protetta

15

15-20

Spinacio

Trapianto

Semina

15-20

15-20

Valeriana

Trapianto

Semina

15

15-20

 

Le cime di rapa possono essere seminate scalarmente per avere il prodotto fino a marzo.
 
Altri post interessanti:
 
Quando raccogliere i semi dell’orto
 Raccogliere i semi di pomodoro
 
Calendario lunare. Interpretare inizio e fine dei periodi
 Vita da Hobby Farmer è in edicola

 Ottobre nell’orto. Tabella delle semine
 
Antologia di post da Coltivare l’orto


Coltivare l’orto
gruppo aperto

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!