Archivi categoria: 90 Ortaggi: Stridoli

Gli stridoli o carletti, bubbolini, coietti, cannateddi, foje, scupitin, grisolon

Gli stridoli o carletti, bubbolini, coietti, cannateddi, foje, scupitin, grisolon

La Silene vulgaris, pianta spontanea comunissima in Italia, conosciuta con molti nomi diversi (stridoli, cannateddi, bubbolini, ecc.) possiede da sempre una vasta tradizione alimentare emerita certamente un posticino nel nostro orto.

E’ una pianta perenne con fusti eretti alti da 25 a 80 cm. Le foglie sono di colore verde-grigio, opposte ed ovali. Solo quelle inferiori hanno un picciolo molto corto. Il fiore è bianco, del diametro di circa 1,5 cm e presenta 5 petali. Il frutto è una capsula globosa. E’ diffusa praticamente ovunque, dalla pianura fino a 1500 metri, con preferenza per i terreni coltivati, i margini dei sentieri, i terrapieni ferroviari. Cresce in pieno sole. Si consumano le cime tenere con tutto il fusto, e le sole foglie raccolte nella parte più bassa. La raccolta delle cimette impedisce la fioritura e allunga la durata produttiva della pianta.

Raccolta di strigoli, da consumare crudi o cotti

Che cosa mettere nell’orto

28 Pagine. Formato 15×21 cm. Illustrato
Euro 2,00. 

Quando ci accingiamo coltivare un orto abbiamo in mente alcuni ortaggi principali, quelli solitamente più presenti sulla nostra tavola, e ignoriamo che la gamma di varietà è veramente vasta. Molti credono che l’orto rappresenti una attività da iniziare in primavera terminare alla fine dell’estate: invece, ci sono moltissimi ortaggi che possono esser coltivati anche l’inverno, semmai con dei piccoli accorgimenti per preservarli dal gelo. Molti altri rimangono stupiti quando affermo che ci sono almeno un centinaio di ortaggi diversi, considerando solo le varietà principali. Questo libricino, per le sue dimensioni e le sue finalità, non vuole essere esaustivo ma vuole offrire una prima base di valutazione e conoscenza.
SCONTI E OMAGGI
PER SAPERNE DI PIU’

Disponibile anche in formato Ebook. Acquista e leggi subito senza tempi e spese di spedizione. Compra su Lulu  

Gli stridoli non sono usati in erboristeria se non forse raramente, ma lo sono molto per usi alimentari. Questa piantina è considerata molto prelibata; le foglioline giovani si possono consumare crude o cotte, per esempio nelle frittate o nei minestroni. La semina si fa in autunno oppure a fine inverno. La raccolta avviene da settembre per le semine primaverili, e può proseguire  fino alla fioritura che avviene in marzo-aprile.

Il nome (Silene) pare che derivi dal greco sialon, cioè saliva: questo perché spesso la pianta è attaccata da un insetto detto sputacchino, che produce una specie di schiuma per sua protezione. Le cronache raccontano che verso il 1680 una invasione di cavallette distrusse tutte le coltivazioni sull’isola spagnola di Minorca, e gli abitanti riuscirono a sopravvivere proprio cibandosi abbondantemente di questa piantina.

Fiori e foglie di Silene vulgaris


Dove trovare i semi

I semi sono venduti per corrispondenza da diversi produttori di sementi tra i quali  Ingegnoli   http://www.ingegnoli.it/silene-inflata.html

 


Tutti i manuali sull’orto li trovi su
coltivarelorto.it
CON SCONTI E OMAGGI
 

Alcuni manuali sono disponibili anche in formato
E-book.
Vedi i titoli disponibili sul sito
Lulu.com,
acquista e fai immediatamente il download. Prezzi ridotti e niente spese di spedizione.

Come concimare l’orto
L’orto sul balcone ABC
Che cosa mettere nell’orto
Risparmiare con il compost
Coltivare l’orto, I° edizione
Cercando Poimandres (mentre l’acqua corre nell’orto…)

Vuoi vedere la raccolta di tutti i migliori articoli pubblicati da Coltivare l’orto?La trovi qui

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

6.400 iscritti
a ottobre 2013

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
9.100 fan!!!
a ottobre 2013

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!